Kai Stuht

| CITTÀ | Berlino | PAESE| Germania

Kai Stuht è il David Lynch della scena fotografica europea.
I suoi mondi di immagini, strutturati in modo avvincente, richiamano il subconscio e trascinano l'osservatore in modo inconscio nella sua magica corrente. La luce che utilizza non regge confronti, con tagli netti degni di Hannibal Lecter disseziona i suoi temi per riunirli in contesti completamente nuovi.
Con grande sensibilità, l'artista berlinese svela le icone del mondo dello spettacolo, rimuovendone la corazza, strato dopo strato, fino a ottenere un'immagine rara della persona che sta dietro alla figura pubblica. È esattamente questa sua capacità a renderlo unico. Con un isolamento quasi autistico, questo filosofo tra le stelle tedesche della fotografia non smette di tappezzare di immagini la sua vita.

Nel 2012 Kai Stuht ha immortalato la sue visione del mondo in un progetto su larga scala in cui ha raccolto i più grandi creativi mondiali di una vasta gamma di generi. Stuht collabora con leader del settore visionari al lancio del Project Fovea. Le aspettative sono alte. (di Wulf Arther, Modernism Magazine, NYC)

Stile della fotografia/videografia

 |  Architettura  |  Documentari  |  Macro  |  Moda  |  Natura  |  Persone  |  Pubblicità   |  Sport  |  Viaggi  |  Wildlife  |