Our website uses cookies and similar tools to improve its performance and enhance your user experience and by continuing to use this website without changing your settings, you consent to their use. To find out more about the cookies we use or how to change your settings, please see our Cookie Policy. OK

Storia | Radicali ossidrilici contenuti nell'acqua

Radicali ossidrilici contenuti nell'acqua

Storia dei dispositivi per generare i radicali ossidrilici contenuti nell'acqua

Storia dei dispositivi per generare i radicali ossidrilici contenuti nell'acqua

Storia

L'origine dei radicali ossidrilici contenuti nell'acqua

Tutto inizia nel 1997. Lavorando a un progetto dell'ex Ministero per il Commercio Internazionale e l'Industria sulla purificazione dell'aria negli ambienti abitativi, i ricercatori Panasonic iniziano a interessarsi a un tipo di tecnologia che genera i radicali ossidrilici contenuti nell'acqua. Si chiedono se le minuscole particelle di acqua siano in grado di fornire un modo innovativo per purificare l'aria. Nel 2001, un team di soli due ricercatori inizia a lavorarci. 

È un tipo di tecnologia completamente nuova che comporta sfide importanti. Il team ha la necessità di sviluppare da zero metodi di verifica e tecniche di valutazione e il fenomeno della scarica elettrica su cui verte l'intero processo è difficile da controllare. Per un certo periodo continuano a lavorare senza risultati, fino ad arrivare quasi al punto di abbandonare la ricerca. Il direttore di ricerca dell'epoca decide comunque di perseverare dicendo "Continuiamo per un altro anno!". La devozione di Panasonic per la tecnologia riesce a salvare il progetto. Finalmente, nel 2003, il team riesce a creare una particella di acqua di dimensioni nanometriche in grado di purificare l'aria. Nasce la tecnologia dei radicali ossidrilici contenuti nell'acqua.

L'impegno continuo verso il miglioramento della qualità dell'aria

L'attività di sviluppo della tecnologia dei radicali ossidrilici contenuti nell'acqua continua ancora oggi. Un punto fondamentale è la verifica degli effetti nell'inibizione degli impatti dannosi sul corpo umano di microorganismi patogeni (batteri, muffe e virus) e allergeni e la scomposizione delle particelle PM 2,5.

Nel 2009, ad esempio, con l'aiuto di un'organizzazione di test indipendente, Panasonic ha dimostrato l'effetto dei radicali ossidrilici contenuti nell'acqua sull'influenza aviaria e sui nuovi ceppi di influenza. Nel 2012, in collaborazione con un'organizzazione di test indipendente tedesca, ha condotto una serie di test di eliminazione (clearance) dei virus che hanno dimostrato l'efficacia della tecnologia contro i quattro tipi di virus (con e senza pericapside, a DNA e a RNA). Grazie a questi risultati, è stato annunciato che i radicali ossidrilici contenuti nell'acqua possono avere un effetto inibitorio su virus nuovi e sconosciuti. Sebbene sia ormai chiaro che l'azione dei radicali ossidrilici contenuti nell'acqua è in grado di inibire l'attività di alcuni virus, questa verifica rappresenta una tappa altamente significativa.

Un altro aspetto fondamentale della nostra ricerca riguarda gli sforzi per potenziare l'effetto dei radicali ossidrilici contenuti nell'acqua aumentando la concentrazione dei radicali generati. Lavorando per affrontare i crescenti rischi associati alla qualità dell'aria che il mondo è oggi costretto ad affrontare, Panasonic si impegna a ideare dispositivi sempre più avanzati.

La necessità di migliorare la qualità dell'aria non conosce limiti. Panasonic continua a studiare il potenziale dei radicali ossidrilici contenuti nell'acqua, applicando la tecnologia per migliorare la qualità dell'aria e contribuire alla salute e alla qualità della vita delle persone.

L'impegno continuo verso il miglioramento della qualità dell'aria

Fasi significative

1997

Inizia la ricerca sulla purificazione dell'aria negli ambienti abitativi

2001

Inizia lo sviluppo della tecnologia dei radicali ossidrilici contenuti nell'acqua

2002

Iniziano i test e la produzione di prova di prototipi per generare i radicali ossidrilici contenuti nell'acqua

2003

Viene completato il dispositivo per generare radicali ossidrilici contenuti nell'acqua [480] (tipo con riempimento d'acqua)

2005

Viene completato il dispositivo per generare radicali ossidrilici contenuti nell'acqua [480] (modello Peltier)

2008

Inizia lo sviluppo di dispositivi di nuova generazione altamente reattivi per generare radicali ossidrilici contenuti nell'acqua

2009

Viene verificato l'effetto inibitorio su virus e batteri e la riduzione dei residui dei pesticidi

Viene verificato l'effetto inibitorio sui virus batteriofago Φχ174 e Staphylococcus aureus presente nell'aria e a contatto con le superfici

Viene verificato l'effetto inibitorio sul virus dell'influenza suina

2009
2010

Viene verificata la denaturazione delle proteine nei pollini presenti nell'arco dell'anno

2011

Viene completato un piccolo dispositivo che genera più radicali ossidrilici (modello Peltier di quarta generazione)

Viene verificato l'effetto inibitorio sulle muffe

2011
2012

Viene verificato l'effetto inibitorio sui virus tramite il test di eliminazione (clearance) dei virus

Viene verificato l'effetto inibitorio su virus, muffe, batteri e allergeni associati agli animali domestici

2014

Vengono verificate la decomposizione dei componenti delle particelle PM 2,5 e l'inibizione della crescita della muffa che si attacca alla sabbia gialla

2014
2016

Viene completato il dispositivo per generare i radicali ossidrilici contenuti nell'acqua [4800]

Viene verificato l'effetto inibitorio su tutti gli allergeni di tipo inalatorio "View 39" che sono la causa principale delle condizioni allergiche

2020

Viene verificato l'effetto inibitorio sul nuovo coronavirus (SARS-CoV-2)
> Comunicato stampa

Cosa sono i radicali ossidrilici contenuti nell'acqua [4800] (particelle di acqua atomizzata elettrostatica di dimensioni nanometriche)?

Nel 2016, Panasonic migliora il componente di scarico dei radicali ossidrilici contenuti nell'acqua [480] (genera 480 miliardi di radicali ossidrilici al secondo*¹), riuscendo a creare un dispositivo per radicali ossidrilici contenuti nell'acqua [4800] (genera 4.800 miliardi di radicali ossidrilici al secondo*²) che produce 10 volte*³ la quantità di radicali ossidrilici con un livello di generazione di ozono invariata.

Radicali ossidrilici contenuti nell'acqua [480]

Radicali ossidrilici contenuti nell'acqua [4800]

Ione

Illustrazione

Metodo

Sistema di scarico

Atomizzazione elettrostatica (scariche a corona)

Atomizzazione elettrostatica (sistema multi scarica)

Metodo di condensa

Metodo Peltier

Caratteristiche base

Carica elettrica

Negativa

Dimensioni

Da 5 a 20 nm

Radicali ossidrilici

480 miliardi al secondo

4.800 miliardi al secondo

Durata ione

Circa 600 secondi

Contenuto dell'acqua
(confrontato con ioni negativi generici)

Circa 1.000 volte

Caratteristiche

Acidità moderata

Principio di produzione

Un generatore di radicali ossidrilici contenuti nell'acqua [480] raffredda e condensa l'acqua dall'aria. Per generare i radicali ossidrilici contenuti nell'acqua, viene applicata alta tensione all'acqua raccolta.
 

Nel generatore di radicali ossidrilici contenuti nell'acqua [480], i radicali vengono scaricati secondo una dispersione radiale. D'altro canto, il generatore di radicali ossidrilici contenuti nell'acqua [4800] genera un'ampia area di plasma scaricando in un solo punto, generando 10 volte*³ la quantità di radicali ossidrilici.

Condizione di scarico

*¹ Generatore di radicali ossidrilici contenuti nell'acqua [480] misurata con il metodo ESR (tasso di sedimentazione degli eritrociti) a settembre 2010. (Ricerca Panasonic)
*² Generatore di radicali ossidrilici contenuti nell'acqua [4800] misurata con il metodo ESR a settembre 2016. (Ricerca Panasonic)
*³ Confronto tra il generatore di radicali ossidrilici contenuti nell'acqua (480 miliardi di particelle al secondo) e il generatore di radicali ossidrilici contenuti nell'acqua (4.800 miliardi di particelle al secondo). Misurazione con metodo ESR. (Ricerca Panasonic)

Our website uses cookies and similar tools to improve its performance and enhance your user experience and by continuing to use this website without changing your settings, you consent to their use. To find out more about the cookies we use or how to change your settings, please see our Cookie Policy. OK