Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie clicca qui. Chiudendo questo banner con un click sul seguente tasto OK , scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

https://myprofile.panasonic.eu/login?lang=it_IT&{0} /servlet/saml/logout4eu?{0} //shop.panasonic.it/s/Sites-IT-B2C-Site/dw/shop/v15_5{0}?client_id=10d38a11-2677-4619-8f77-3dd61bcd19b6 #.###,00 010 {0} prodotti nel carrello false true webImage 010 //panasonic.purchase-now.it/it/Widgets/Fluid/{0} //panasonic.purchase-now.it/Products/MultipleInStock/Fluid/{0}
Prodotti nel carrello Totale Prezzo
  • Sub-totaleIVA inclusa

Offerta speciale

IVA inclusa

Costi di consegna

Le spese della spedizione ammontano a € 9,90 IVA compresa per ciascun ordine effettuato indipendentemente dalla quantità di prodotti ordinati.

Seleziona colore
Errore sulla quantità. Inserire un numero da 1 a 99{0} items left in stock.

Offerta speciale

Il prodotto è stato aggiunto al carrello

  • Sub-totaleIVA inclusa

Spiacenti, si è verificato un errore imprevisto.
Chiudi la finestra e riprova.

Seleziona colore
Prezzo IVA inclusa: Acquista subito Acquista da Panasonic Dove acquistare Disponibile /content/dam/Panasonic/EC-icon/icn-stock-in.png Disponibile Non disponibile /content/dam/Panasonic/EC-icon/icn-stock-out.png Non disponibile Available soon /content/dam/Panasonic/EC-icon/icn-stock-soon.png Available soon Panasonic false false Per aggiungere il prodotto al carrello, devi accettare la nostra policy cookie. Per aggiungere il prodotto al carrello devi dare il tuo consenso alla nostra policy cookie. Visita il nostro shop online Foto di {0}

Il potere delle donne

Il potere delle donne

Tutti possono diventare fotografi di successo. Questa è la motivazione chiave che da sempre anima il lavoro di Emma Svensson. Inizia a scattare fotografie ai concerti circa 20 anni fa. In un mondo dominato dagli uomini, nessuno la prende sul serio, anche se in seguito si sarebbero ricreduti. Crea un suo sito Web, fonda un'agenzia di rappresentanza per fotografi di successo e poi un vero e proprio studio fotografico per il quale assume soprattutto fotografe. Anche nella sua sfera personale, ama andare oltre i confini: conquistando le più alte vette europee, dimostra come le donne possano ottenere esattamente gli stessi risultati degli uomini. "Le donne non devono pensare di essere inferiori agli uomini".

Si ricorda ancora quando è sbocciato il suo amore per la fotografia: "Quando avevo 11 anni ho trovato la videocamera dei miei genitori. È diventata subito il mio giocattolo preferito. Volevo diventare una regista". Ma i suoi concittadini del piccolo villaggio svedese in cui viveva le consigliano di non aspirare a una carriera in un mondo così competitivo come quello della fotografia. Non sarebbe riuscita a guadagnarsi da vivere. "Per questo per molti anni non ho toccato la macchina fotografica. Poi nel 2002 sono andata a un concerto portando con me una fotocamera, e anche se non avevo mai scattato fotografie a un evento di questo tipo, ho immediatamente capito che era esattamente ciò che avrei voluto fare. È stato amore a prima vista". 
In quel periodo andava diffondendosi Internet. "I siti Web con i testi delle canzoni erano sempre più numerosi, ma le foto dei concerti erano poche, per cui decisi di creare un sito Web. Non è stato facile essere una fotografa in un mondo dominato da uomini di mezza età. Nessuno mi prende sul serio, non mi salutano neanche. Come donna, non mi è stato consentito entrare nel backstage frequentato da uomini. 

Inizio a pubblicare sul mio sito Web sempre più foto e chiedo ad altre giovani e ambiziose colleghe di fare altrettanto. Non passiamo inosservate: giornali e riviste iniziano a usare le nostre foto e presto riusciamo a fondare una nostra agenzia. I vecchi fotografi ci odiano. Per quindici anni di fila le nostre fotografe ottengono numerosi premi per le foto di concerti. Alcune sono diventate fotografe di grande successo, altre editor di immagini, altre ancora lavorano per importanti gallerie. Sono orgogliosa di aver contribuito, anche in minima parte, al loro successo.
Come insegnante di fotografia, si accorse che sebbene l'80% degli studenti fosse costituito da donne, dopo il diploma il 95% dei lavori nel settore veniva assegnato a uomini. "Gli agenti e i potenziali datori di lavoro erano tutti uomini. Ho resistito a questo pregiudizio cercando di sensibilizzare sull'argomento. I problemi non sono finiti, ma ne è valsa la pena. Le giovani fotografe mi sono riconoscenti. Le ho dato la forza di perseguire le loro carriere nel campo della fotografia".

La visione del film Everest durante un viaggio aereo è stato un altro momento decisivo nella vita di Emma. "Ero in volo verso la Nuova Zelanda. Il film mi ha ispirato tanto quanto le prime foto di concerti. In quel momento ho deciso che sarei diventata un'alpinista. Tutti, compreso il mio fidanzato dell'epoca, cercarono di farmi desistere. Mi dicono: l'alpinismo è troppo pericoloso per le donne! Ma insisto e vado avanti. Dopo aver affrontato le più alte vette europee, ero decisa a non fermarmi. Mi do un obiettivo: scalare le montagne più alte d'Europa in un anno. E così ho fatto. E non solo: scalo 61 montagne".

Oggi si divide tra la fotografia e l'alpinismo. "Dedico metà del mio tempo alla fotografia e l'altra metà alle scalate". Ancora oggi è costretta ad affrontare molti pregiudizi: "Il tipo di educazione che viene impartito alle donne le rende timorose rispetto a questo tipo di avventure. È pericoloso viaggiare da sole, vivere avventure. Mi rifiuto di accettare questi preconcetti. Ho visitato terre desolate e non ho mai avuto paura. Non è detto che non possa vivere al massimo la mia vita solo perché sono una donna".

Ha aperto uno studio fotografico e collabora solo con donne. "Prima davo lavoro a 12 persone, ma con l'alpinismo le cose si sono complicate un po'. Così sono tornata a tre: un'organizzatrice, una fotografa e un'assistente, inoltre mi occupo della supervisione delle stagiste. Quando si tratta di assumere, su 100 lettere ricevute, quelle scritte da donne sono le migliori. Il fotografo si trova spesso da solo, per questo è bello lavorare in squadra, sentirsi responsabili del lavoro altrui e ascoltare le opinioni di altri".

Ha lavorato per la prima volta con una fotocamera LUMIX circa un anno fa. "Ho provato la LUMIX S1R. Sono rimasta impressionata dalla qualità delle immagini, una vera rivelazione! Quando mi arrampico, uso una LUMIX GX9. Tengo la fotocamera intorno al collo perché se la tenessi nello zaino finirei per non usarla, per questo ho bisogno di una macchina che resista alla pioggia, alla neve e agli urti contro le rocce. E ancora oggi funziona perfettamente, anche dopo un anno di lavoro in condizioni davvero difficili".

Emma Svensson

Emma Svensson

Emma Svensson inizia la sua carriera di fotografa nel 2002, immortalando i migliori momenti dei concerti, gli artisti del panorama musicale e facendosi strada nel settore della moda. Oltre a coltivare una passione sfrenata per l'alpinismo che l'ha portata a scalare 61  vette europee battendo un record mondiale, gestisce uno studio fotografico per il quale assume per lo più donne. È impegnata sul fronte delle pari opportunità e del cambiamento per le donne in fotografia e desidera ispirare le persone a seguire i propri sogni.

Visita il sito Web di Emma Svensson

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie clicca qui. Chiudendo questo banner con un click sul seguente tasto OK , scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.